XXXV EDIZIONE DI FUTURO REMOTO
TRANSIZIONI
dal 23 Novembre al 3 Dicembre 2021
a Città della Scienza

Futuro Remoto ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica

IN COLLABORAZIONE CON: Consiglio Nazionale delle Ricerche · CNR, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare · INFN, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia · INGV, Accademia Nazionale dei Lincei, Villa Farnesina, Ambassade de France en Italie – Institut Français Napoli,
Ambasciata d’Italia a Mosca, Ambasciata d’Italia in Messico, US General Consulate in Naples, AIRicerca, SESAME · Synchrotron-light for Experimental Science and Applications in the Middle East, Stazione Zoologica Anton Dorhn, Fondation Tara Océan.

RICONOSCIMENTI E PATROCINI · 35ª EDIZIONE DI FUTURO REMOTO | Camera dei Deputati | Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali | Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali | Ministero della Transizione Ecologica | Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Transizione Digitale | Comune di Napoli

La XXXV edizione di Futuro Remoto si svolgerà dal 23 novembre al 3 dicembre, con attività in presenza a Città della Scienza dal 23 al 28 novembre e con attività da remoto per tutta la durata dell’evento, secondo le modalità e nei limiti della normativa emergenziale – in materia coronavirus – vigente nel periodo della manifestazione.

GIORNI
ORE
MINUTI
SECONDI

ALLA CHIUSURA DI FUTURO REMOTO 2021

PARTECIPA A FUTURO REMOTO 2021

L’ingresso al Villaggio della Scienza di Futuro Remoto è GRATUITO

La PRENOTAZIONE è OBBLIGATORIA

PRENOTA
UNA VISITA A FUTURO REMOTO

SCOPRI LE ATTIVITÀ DEL WEEKEND

L’ingresso al Villaggio della Scienza di Futuro Remoto è GRATUITO

La PRENOTAZIONE è OBBLIGATORIA

 La prenotazione è da considerarsi valida
solo dopo aver ricevuto la conferma – via mail – dal servizio incoming di Città della Scienza.

NB. Le prenotazioni dovranno pervenire
entro le ore 16 di venerdì per la giornata di sabato ed entro le ore 16 di sabato per la giornata di domenica.

MODALITÀ DI ACCESSO
Per accedere alla manifestazione è obbligatorio per tutti i visitatori al di sopra dei 12 anni esibire il GREEN PASS e, su eventuale richiesta, il documento d’identità in corso di validità.

NB. Sono esonerati solo i soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica. Resta fermo l’obbligo dell’uso della mascherina a partire dai 6 anni di età e il rispetto del distanziamento interpersonale.

PRENOTA UNA VISITA AL SCIENCE CENTRE
DURANTE FUTURO REMOTO.

L'ingresso alla manifestazione Futuro Remoto,
consentito esclusivamente agli utenti prenotati, è gratuito.

È escluso l'ingresso al Museo Corporea (costo 5€)
e l'ingresso al Planetario (costo 3€ se integrato al museo o di 5€
se si acquista solo il biglietto del planetario).

La misura dell’intelligenza è data dalla capacità di cambiare quando è necessario.

ALBERT EINSTEIN

GRANDI EVENTI

IN PRESENZA E DA REMOTO

Non è la più forte delle specie che sopravvive, né la più intelligente,
ma quella più reattiva ai cambiamenti.

CHARLES ROBERT DARWIN

I VOLTI DI FUTURO REMOTO

RICCARDO VILLARI

PRESIDENTE DI
CITTÀ DELLA SCIENZA

MARIA CRISTINA MESSA

MINISTRO DELL’UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

MARIA CHIARA CARROZZA

PRESIDENTE CNR

MASSIMO FERDINANDO FRANCESCO CAVALIERE

DIRETTORE GENERALE DI
CITTÀ DELLA SCIENZA

MARY AVERY

CONSOLE GENERALE DEGLI STATI UNITI A NAPOLI

BRUNO MAQUART

PRESIDENTE DI UNIVERSCIENCE

GIORGIO STARACE

AMBASCIATORE D’ITALIA A MOSCA

JOSEFA BECERRA

INSTITUTO DE ASTROFÍSICA DE CANARIAS (IAC)

LUIS BETTENCOURT

MANSUETO INSTITUTE FOR URBAN INNOVATION AT THE UNIVERSITY OF CHICAGO

SARA BARSOTTI

COORDINATRICE PER I RISCHI VULCANICI PRESSO L’UFFICIO METEOROLOGICO ISLANDESE

LUIGI NICOLAIS

CTS DI CITTÀ DELLA SCIENZA · PRESIDENTE DEL CAMPANIA DIH

LAURENT BURIN DES ROZIERS

CONSOLE GENERALE DI FRANCIA A NAPOLI E DIRETTORE INSTITUT FRANÇAIS NAPOLI

FRANCESCA BIANCO

DIRETTORE DELL’OSSERVATORIO VESUVIANO, SEZIONE NAPOLETANA INGV

ANDREA LAUSI

DIRETTORE SCIENTIFICO SESAME

ENRICO BRUGNOLI

ADDETTO SCIENTIFICO ITALIANO A MOSCA

LUCIA CAPRA

DIRETTRICE DEL CENTRO DE GEOCIENCIAS DELL’UNAM

ANTONIO ZOCCOLI

PRESIDENTE DELL’ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE

PASQUALE PALAMARO

CHEF STELLATO DEL RISTORANTE INDACO E DEL REGINA ISABELLA DI ISCHIA

Non sei mai troppo piccolo per fare la differenza.

GRETA THUNBERG

LE VOCI DEI PROTAGONISTI

Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare.

WINSTON CHURCHILL

SCOPRI
LE ATTIVITÀ DEI CO-ORGANIZZATORI

IN PRESENZA E DA REMOTO

La logica vi porterà da A a B. L’immaginazione vi porterà dappertutto.

ALBERT EINSTEIN

MOSTRE

IN PRESENZA

Il dolore rovescia la vita, ma può determinare il preludio di una rinascita.

EMANUELA BREDA

DONNE & SCIENZA

ANGIOLETTA CORADINI

ASTROFISICA

DOROTHY C. HODGKIN

BIOCHIMICA E CRISTALLOGRAFA

GERTRUDE BELLE ELION

FARMACOLOGA E BIOCHIMICA

HENRIETTA LACKS

DONNA STATUNITENSE AFROAMERICANA

INGE LEHMANN

SISMOLOGA E GEOFISICA

LISE MEITNER

FISICA

MARGHERITA HACK

ASTROFISICA

MARIA MONTESSORI

EDUCATRICE, PEDAGOGISTA E FILOSOFA

MARIE CURIE

FISICA, CHIMICA E MATEMATICA

MARIE THARP

GEOLOGA E OCEANOGRAFA

MARY E. HOLLAND

DETECTIVE

RITA LEVI MONTALCINI

NEUROLOGA, ACCADEMICA E SENATRICE A VITA ITALIANA

ROSALIND FRANKLIN

CHIMICA, BIOCHIMICA E CRISTALLOGRAFA

SOPHIE GERMAIN

MATEMATICA

La nostra gloria più grande non sta nel non cadere mai, ma nel risollevarsi sempre dopo una caduta.

CONFUCIO

CONFERENZA SPETTACOLO

IN PRESENZA

La vita si ascolta così come le onde del mare... Le onde montano... crescono... cambiano le cose... Poi, tutto torna come prima... ma non è più la stessa cosa...

ALESSANDRO BARICCO

EVENTI INTERNAZIONALI

IN PRESENZA

Quella che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla.

RICHARD BACH

PER IMPARARE DIVERTENDOSI

SCIENCE SHOW

IN PRESENZA

Per migliorare il mondo l’unico modo è fare qualcosa, sentirsi dalla parte giusta non basta.

JOVANOTTI

PER SPERIMENTARE DIVERTENDOSI

LABORATORIO / DIMOSTRAZIONE

IN PRESENZA

Non c'è realtà permanente ad eccezione della realtà del cambiamento; la permanenza è un'illusione dei sensi.

ERACLITO

PER CONDIVIDERE DIVERTENDOSI

GAMING ED ESCAPE ROOM

IN PRESENZA

Il cambiamento è una porta che si apre solo dall’interno.

TOM PETERS

35 ANNI
DI FUTURO REMOTO

Futuro Remoto è anche una vetrina a livello nazionale e internazionale delle competenze e delle eccellenze del mondo della ricerca, della ricerca in corso e di quella che verrà, con uno sguardo privilegiato di chi ha attraversato 35 anni di ricerca italiana da attento testimone e portavoce, per guardare sempre al futuro con il suo pubblico con ancora maggiore consapevolezza, per un rilancio sostenibile e per combattere un debito ambientale per la cui risoluzione non c’è più tempo da aspettare.

Futuro Remoto nasce nel 1987 ed è la prima manifestazione europea di diffusione della cultura scientifica e tecnologica. Sino al 2014 la manifestazione ha avuto un suo format preciso: un tema generale, una mostra principale e mostre parallele, oltre a eventi, conferenze, laboratori. Il tutto si è svolto sino al 1995 nell’area fieristica di Napoli, la Mostra d’Oltremare, e dal 1996 nel Science Centre di Città della Scienza, a Bagnoli. Nel 2015 la manifestazione arriva nel cuore pulsante della città di Napoli: Piazza del Plebiscito. È l’anno del “nuovo inizio” della manifestazione, una svolta decisiva che deriva dalle tante nuove attività e collaborazioni lanciate dal polo scientifico di Città della Scienza. Futuro Remoto non è più solo l’evento “di Città della Scienza” ma la “festa della scienza”, la festa dell’intera comunità scientifica, e allo stesso tempo, una piattaforma vivente di “social Innovation”.

Nei suoi trenta anni e più di vita, Futuro Remoto ha contribuito significativamente ad avvicinare alla scienza e all’innovazione tecnologica generazioni di studenti, giovani professionisti e gente comune. Come una goccia d’acqua che allarga sempre più le sue increspature, Futuro Remoto è partito da Bagnoli, per coinvolgere Napoli, la Campania, le regioni limitrofe e l’Italia intera. Lo dimostrano i flussi di pubblico crescenti, i programmi sempre più ricchi, una sempre maggiore attenzione dei media e una partecipazione sempre più attiva.

Con le ultime quattro edizioni, Futuro Remoto è riuscito a raggiungere un pubblico sempre più vasto ed eterogeneo e ad appassionare ai temi proposti un numero sorprendente di persone.

L’ultima edizione, in particolare, è stata diversa dalle precedenti. Ha utilizzato tutti gli strumenti, le nuove buone pratiche e modalità innovative di comunicazione grazie anche ai tanti partner scientifici, università, centri di ricerca, che da anni sono al nostro fianco.